La voce del Fiani

Scritti e News

Istruzione tecnica superiore. Avanti piano

Una delle partite piu' delicate tra quelle che  l'attuale  governo  si trova a giocare e' quella  che  concerne  il  rilancio  della  filiera dell'istruzione tecnico-professionale,  che  dovrebbe  sfociare  nella istituzione, in forma stabile e garantita nel tempo, di una fascia  di istruzione tecnica superiore.
Annunciata  nella  Finanziaria  2007   (dicembre   2006),   richiamata nell'art.13 della legge 40 (Bersani 1) dell'aprile  2007,  prefigurata nella cosiddetta Bersani ter, in discussione in Parlamento,  l'ITS  e' ancora ferma al palo, forse in attesa di un chiarimento sul tavolo dei rapporti Stato-Regioni.
Intanto e' stata istituita presso  l'MPI  una  commissione  di  studio sull'attuazione del citato art. 13, ma limitatamente ai commi 1, 1-bis e 1-ter, che sono quelli che - previa abrogazione dei licei  economico e tecnologico della riforma Moratti  -  prevedono  il  riordino  e  il potenziamento  degli  istituti  tecnici   e   professionali   mediante regolamenti ministeriali.
Della  commissione,  presieduta  dal  prof.  De  Toni,  preside  della facolta' di Ingegneria dell'universita'  di  Udine,  fanno  parte  una quarantina di membri, per la meta' dirigenti scolastici  e  insegnanti negli  istituti   tecnici   e   professionali,   esperti   e   docenti universitari, tra i quali il rettore dell'universita' LUISS di Roma.
E'  abbastanza  singolare  peraltro  che  la  commissione  non   debba occuparsi del comma  2  dell'art.  13,  quello  che  riguarda  i  poli tecnico-professionali e gli Istituti tecnici superiori. E' come se  si chiedesse a un architetto di progettare solo i primi cinque  piani  di un edificio che ne prevede sette o otto.

E' importante che  si  arrivi in ogni caso a un progetto globale, che salvaguardi la coerenza  degli studi  secondari  verso  tutta   la   formazione   terziaria,   quella universitaria e quella tecnica superiore.

TuttoscuolaNEWS  n. 322 - lunedì 14 gennaio 2008

Chiudi la pagina