La voce del Fiani

"Ricordi del Liceo"

Salve a tutti; era da tempo che pensavamo di intervenire sulla discussione e siamo molto contenti che certe questioni escano fuori. Non si può sempre far finta di nulla. Non possiamo certamente negare che gli anni del liceo sono stati tra i più belli, del resto eravamo in una classe che, se pur tra varie divisioni, riusciva a rendere divertenti e leggere anche le ore più pesanti.
Con questo non vogliamo generalizzare e ci troviamo d'accordo con l'ex-alunna
(N.R.: vedi Lettera aperta di una ex... ) (finalmente qualcuno ha parlato..) nel condannare situazioni spiacevoli che hanno comunque lasciato un brutto ricordo in noi studenti.
La nostra situazione era un po' diversa, oltre all'arroganza di determinati prof nel cercare di insegnare la loro materia, vi era anche l' incapacità di essere persone prima che docenti.
Un rapporto basato sul terrore, sul "io sono vendicativa, te la faccio pagare" (sembra strano detto da un docente ma è così) oppure frasi come "tua madre vive sugli alberi" non è certo quello che un ragazzo si aspetterebbe di ricordare, ma purtroppo il nostro triennio è andato così.
Ora siamo all'università e notiamo quanto sia stato fallimentare l'insegnamento di alcune materie, del resto se si è sempre impegnati in attività non didattiche, e soprattutto svolte di mattina durante le ore di lezione, la preparazione non può non risentirne e con questo anche la valutazione raramente obiettiva.
Eppure sembra strano che proprio quegli stessi prof citassero la difficoltà dell'università, anche se ora sappiamo che lo facevano solo per celare le loro lacune. L'università non è qualcosa di impossibile, se si hanno delle solide basi al liceo, studiando si possono raggiungere tutti i traguardi.
Noi, in alcune materie, abbiamo dovuto crearle le "solide basi".
Con questo nostro intervento non vogliamo condannare tutti i prof, anzi nel Liceo abbiamo conosciuto dei docenti che sono stati dei veri maestri di vita, e neanche auspichiamo ad una scuola perfetta, è un utopia.
Ci auguriamo solo che la nuova dirigenza a differenza delle precedenti sia "talmente forte" da poter arginare e contrastare quei docenti che con i loro comportamenti danneggiano l'immagine del liceo e il ricordo dei suoi ex alunni.
A voi ragazzi e prof che siete nel Liceo chiediamo di non piegarvi a quelle poche persone capaci di rovinare uno dei ricordi più belli della VOSTRA vita: IL LICEO.

Alunni della VB nell' A.S. 2002/2003

A staff@lavocedelfiani.com
mercoledì 7 gennaio 2004

Chiudi la pagina