La voce del Fiani

 

Il Liceo è intitolato a Nicola Fiani, martire della Rivoluzione Partenopea.

Nicola Fiani, nacque a Torremaggiore il 23 novembre 1757. A Napoli condusse studi letterari, filosofici e giuridici.
Combatté con il fronte clandestino patriottico per la diffusione delle idee liberali contrastate dal governo borbonico, contro il quale nel 1793 fu organizzato un complotto a cui vi prese parte. La congiura fallì e Nicola fu arrestato il 26 marzo.
Giunta a Torremaggiore la notizia, la madre Donna Maria fece ricorso alle gerarchie ecclesiastiche per ottenere la libertà del figlio, riuscendo nell'intento.
Uscito dal carcere, venne organizzata un'altra congiura a cui prese parte anche la nobiltà. Il tentativo di insurrezione fallì.
Nicola fu nuovamente arrestato il 5 aprile 1795 e vani furono i tentativi della madre di liberarlo. Grazie all'intervento del fratello don Onofrio ebbe salva la vita e ottenne la libertà.
Nello stesso periodo la Francia invase il territorio dei Borboni e Nicola affiancò nella lotta l'esercito francese che entrò vittorioso a Napoli, instaurando la repubblica Partenopea, che cadde poco dopo a causa dell'avanzata nemica. Nicola lottò strenuamente, fu catturato e arrestato.
Processato, fu condotto al patibolo il 29 agosto 1799. Il suo corpo rimasto appeso dopo l' esecuzione, fu prima straziato e poi fatto a brandelli dai fanatici servi del re e del cardinale che non gli concessero nemmeno la sepoltura.

Chiudi la pagina