La voce del Fiani

Scritti e News

Dal '99 i fondi per i libri di testo gratuiti non sono aumentati di un centesimo

Era l'estate del 1999, otto anni  fa,  e  il  Consiglio  dei  Ministri varava, in attuazione della legge finanziaria 1999,  un  provvedimento per la fornitura gratuita o  semigratuita  dei  libri  di  testo  agli alunni meno abbienti che  stavano  adempiendo  all'obbligo  scolastico nella scuola media e per la fornitura di libri in comodato d'uso degli studenti delle superiori meno abbienti.
Il fondo complessivo ammontava a 200 miliardi  di  vecchie  lire:  150 miliardi  per  la  prima  quota  ai  meno  abbienti  che   assolvevano all'obbligo e 50 miliardi per la seconda quota in comodato d'uso.
Per i poco  piu'  di  800  mila  studenti  considerati  meno  abbienti l'accesso al beneficio era consentito  a  condizione  che  il  reddito familiare non superasse i 30 milioni di lire annue.
Da allora,  ogni  anno,  quel  provvedimento  viene  confermato  senza cambiare  nulla  (ad   eccezione   della   conversione   in   euro   e dell'inserimento delle province autonome).

I 150 miliardi della  prima quota sono diventati 77.468.250 euro  (150  miliardi  di  lire  esatti esatti); la seconda quota di 50 miliardi e'  diventata  di  25.882.750 euro (50 miliardi esatti). Il reddito familiare è diventato ora  pari a 15.493,71 (pari ai 30 milioni di lire annue di allora).
Le percentuali per regione di famiglie al di  sotto  di  quel  reddito sono rimaste ferme, anche nei decimali, ad allora, come se il tempo si fosse fermato.
Anche la popolazione scolastica assunta a riferimento per calcolare le quote di  studenti  meno  abbienti  e'  rimasta  la  stessa,  ovunque.
Incantesimo? O pigrizia nel calcolo?
Tutto fermo, dunque, ma certamente non l'inflazione, che ha  eroso  il valore delle risorse erogate.
In ogni caso il ministro Fioroni in piu' sedi, anche  in  un  incontro con le Regioni, si e' impegnato a incrementare i fondi per il  diritto allo studio, anche alla luce dell'elevamento dell'obbligo scolastico.

 

TuttoscuolaNEWS  n. 302

Chiudi la pagina