La voce del Fiani

Scritti e News

Occhi  verdi, come i pascoli della valle del Panshir

Due giorni fa i parti si sono susseguiti fin dal mattino con ritmo frenetico. Il travaglio di una giovane donna minutissima al primo figlio, con il corpo devastato da vecchie cicatrici dovute a un incidente con il fuoco, ci ha molto preoccupato.

Il bambino faticava a nascere, il battito calava. Per aiutare la ragazza a partorire il suo bambino eravamo tutte in sala parto - io, Alessia, le due ostetriche locali e l'infermiera pediatrica – e finalmente, dopo molte ore e molta fatica, e' uscita una bambina,  piccola ma vitalissima. La mamma ci ha ringraziato con commozione: "Se fossi stata a casa da sola saremmo morte tutte e due".

Il giorno dopo, mentre allattava, mi ha chiamato vicino al letto per mostrarmi la sua bimba. Non potendoci capire a parole, a gesti indicava il pigiama a disegni verdi e il viso della neonata. Occhi verdi, come i pascoli della valle del Panshir.

Carla,
ostetrica del Centro di maternita' di Anabah in Afganistan.

 Da: News letter di Emergency n. 11 - Anno 2008


Per sostenere le attività di EMERGENCY:
http://www.emergency.it/menu.php?A=004&SA=021&P=177&ln=It

Per approfondimenti sull'attivita' di EMERGENCY in Afganistan:
http://www.emergency.it/menu.php?A=002&SA=007&P=003&ln=It

 

 

Chiudi la pagina