La voce del Fiani

UN DOCUMENTARIO SU SACCO E VANZETTI
By Ciro Panzone

Un’équipe proveniente da Bologna ha lavorato per quattro giorni a Torremaggiore per realizzare un importante documentario sui due martiri italiani, giustiziati ingiustamente sulla sedia elettrica nel 1927 a Boston. Il lavoro sarà presentato ad una produzione cinematografica franco-inglese e giapponese, nonché alla direzione di Rai Tre. La coordinatrice è la giornalista Carla Brezzo, laureata in cinematografia.
Gli operatori hanno fatto le riprese in tutti i luoghi legati a Nicola Sacco, all’anagrafe, Ferdinando: la casa natia nel III Vico del Codacchio, il monumento sepolcrale nel cimitero, le strade del borgo antico, il castello, gli anziani della città. Con meraviglia la troupe ha scoperto che i giovani purtroppo ignorano i fatti e la problematica inerente il caso Sacco e Vanzetti.
L’équipe ha visitato e ripreso le campagne di Torremaggiore con le relative coltivazioni, principalmente uliveti e vigneti. Per studiare più a fondo i problemi dell’emigrazione/immigrazione hanno intervistato gli immigrati su via Foggia, addetti alla raccolta stagionale dei pomodori, rapportando la loro condotta di vita a quella dei nostri emigrati di inizio novecento in America. Difatti il Nostro concittadino vi emigrò nel 1908.
La Brezzo si è recata anche a Lucera dove è stata intitolata una strada a Sacco e Vanzetti. Infine, ha visitato le cave di Apricena per narrare e riprendere la pietra con cui è stato realizzato il monumento nel cimitero di Torremaggiore. Questo dettaglio riveste particolare importanza dal momento che la comunità italo-americana di Boston ha richiesto un monumento simile da collocare nella città americana. L’associazione "Dante Alighieri" che si interessa di questa iniziativa, ha già ottenuto il terreno dal Comune di Boston su cui realizzare il monumento. L’opera da farsi a Torremaggiore con la stessa pietra di Apricena sarà imbarcata poi a Napoli per la sua destinazione americana. L’altra sezione del documentario, girato dalla Brezzo, riguarda i luoghi di Bartolomeo Vanzetti a Villafalletto (Cuneo) e per finire i luoghi in cui i due italiani hanno vissuto a Boston: le abitazioni, le fabbriche di lavoro, il carcere dove sono stati giustiziati.
Al documentario c’è stata massima collaborazione da parte del Comune di Torremaggiore. Il sindaco Alcide Di Pumpo ha inteso ricordare a 76 anni dall’esecuzione il martirio di Sacco e Vanzetti con una serie di manifestazioni per richiamare l’attenzione soprattutto dei giovani sui temi della libertà e della giustizia sociale. Si è voluto dare un taglio culturale con una tavola rotonda all’aperto, cui hanno partecipato lo studioso Michele Marinelli e i segretari della Cisl, Cgil, Uil, Acli, e con la proiezione del capolavoro di Giuliano Montaldo, in cui i panni dei due italiani sono stati rivestiti da Gian Maria Volontè e Riccardo Cucciolla.

8 /9/2003

ARTICOLI CORRELATI: The Sacco and Vanzetti case - 4 Novembre: Epigrafe per N. Sacco

Chiudi la pagina