La voce del Fiani

Giovanni Paolo II
Messaggio di Ciampi
 
 "Gli italiani tutti, e io con loro, piangono il Santo Padre che abbiamo sentito a noi tanto vicino. Lo abbiamo amato, lo abbiamo ammirato per la forza delle idee, il coraggio, la passione la capacità di trasmettere valori e speranza a tutti noi, soprattutto ai nostri giovani, ai giovani di tutto il mondo. Abbiamo ammirato la sua straordinaria apertura al dialogo fra religioni ed etnie".
   "L'Italia è in lutto. Avverto come tutti un profondo dolore. È forte in me il ricordo dei tanti incontri, dei tanti colloqui. Mio moglie ed io conserveremo per sempre nel cuore la sua voce, soprattutto i suoi occhi, luminosi ed acuti che ti scavavano nel profondo. Il suo sguardo carico di affetto che ti abbracciava prima ancora che egli alzasse le braccia".
   "Non potrò mai dimenticare momenti straordinari come il raduno di milioni di giovani durante il Giubileo nell'agosto del 2000 a Tor Vergata. Nè dimenticherò mai l'emozione che provai quando, in una cerimonia ad Assisi, nel gennaio del 2002, il Santo Padre mi offrì di portare la lampada sul tripode della pace".
   "Giovanni Paolo II ha segnato la storia. Sarà ricordato come uno di quegli uomini che hanno indicato una strada di libertà e di giustizia e l'hanno perseguita con tutte le loro forze. In questo momento di profonda commozione il pensiero va allo straordinario contributo che egli ha dato al superamento della divisione fra Est ed Ovest, al suo strenuo impegno per un ordine mondiale sorretto da principi ed obiettivi di pace al suo infaticabile apostolato in ogni angolo della terra in sostegno di una migliore condizione umana".
"Egli ha comunicato speranza e fiducia a tutti noi. Ha scolpito le coscienze con i valori  che danno senso e dignità alla vita delle persone e della società umana".
   "Giovanni Paolo II ha creduto nella forza dello spirito  e ha testimoniato, con il Suo indomito coraggio e la serenità nella sofferenza, la fortezza che permette di affrontare qualsiasi ostacolo, di operare per il bene in ogni circostanza.Egli continuerà a vivere nei nostri cuori, nella riconoscenza per la Sua testimonianza, per il Suo esempio.
   "Egli è stato  vero apostolo di pace nel mondo intero. L'Italia, Roma - la Sua Diocesi che si sta riversando in Piazza San Pietro - piangono la perdita di un Padre, di una persona amata".
 
Roma 2 Aprile 2005

Chiudi la pagina