La voce del Fiani

Fiani's Christmas Show 2004

Il 22 dicembre mattina, presso il cinema Ciardulli, si è svolto, dopo tante polemiche e inutili critiche, il tradizionale spettacolo natalizio del Liceo, il Fiani's Christmas Show 2004.
Nessuno avrebbe mai puntato un centesimo su una tanto buona riuscita della manifestazione dopo la comunicazione da parte dell'Amministrazione scolastica sull'assenza di fondi per uno show ormai radicato nel quadro delle manifestazioni scolastiche fianine.
Così, con soli dieci giorni a disposizione, i rappresentanti d'Istituto, della Consulta provinciale e alcuni ragazzi delle classi quinte hanno pensato di proporre agli studenti stessi l'autofinanziamento di ciò che sembrava dovesse restare utopia.
Risultato? Mai vista una tale partecipazione di massa; moltissime classi si sono attivate e hanno raccolto tantissimi soldi che, sommati al denaro fornitoci da generosissimi sponsor, hanno permesso di sopperire alle carenze burocratiche e amministrative.
Uno spettacolo quindi "democratico" nel quale tutti hanno potuto esprimere le proprie capacità e opinioni con una partecipazione massiccia.
Puntare sulla collaborazione di tutti ed abolire il feudalesimo studentesco evidentemente ha pagato. Magnifici gruppi musicali hanno coperto con successo i più svariati generi, dall'hip hop al metal, passando per reggae, rock e punk; alla musica dal vivo inoltre, si sono avvicendati coreografie e una sfilata un po' particolare associata alla lettura scherzosa di bigliettini, più o meno simpatici, scritti da tanti studenti.
Non sono mancati neanche momenti di cabaret, Arafat junior, Babbo Natale, Jessica De Simone, Michelinha Sacco hanno allietato la mattinata con simpatiche gag e reso più divertente una maratona protrattasi per svariate ore.
Non abbiamo omesso di salutare il preside e tutti i docenti intervenuti; se non altro la loro presenza ci ha fatti sentire in una scuola e non in un semplice spettacolino da quattro soldi.
.
Aldilà delle polemiche sul finanziamento, è questo il segnale importante che deve essere recepito: gli studenti hanno agito autonomamente, nel rispetto delle regole e all'insegna della creatività e fantasia; non potrebbe esserci soddisfazione più grande per nostri docenti e per il Preside stesso; l' "autarchia studentesca" è solo una manifestazione delle potenzialità della nostra scuola, una risposta chiara a tutti i diffidenti, molti dei quali hanno ostentato ilarità e ironia nei confronti di noi miseri liceali, tanto miseri che abbiamo deciso di devolvere in beneficenza la rimanenza dei soldi raccolti, circa cinquanta Euro destnati alle adozioni a distanza.
Davvero un bel modo per festeggiare il Natale e sentirsi orgogliosi di essere liceali!

Un dovuto grande ringraziamento va a tutti coloro che hanno partecipato, sia come interpreti che come pubblico.

A. Balsamo
mercoledì 25 dicembre 2004

Chiudi la pagina