La voce del Fiani

Audience! Audience! Audience!

Giornali, t v, radio tutto solo per fare audience!

La tecnica ha messo a nostra disposizione numerosi mezzi di comunicazione: figli del nostro secolo sono la radio, la televisione, il telefono e grazie ad essi notizie e parole circolano nello spazio e velocissime ci raggiungono.
Oggi infatti è facile entrare in contatto col mondo intero!
Basta sfogliare un semplice quotidiano o meglio ancora pigiare un tasto al telecomando per sapere cosa stia succedendo nel mondo.
Spesso, però, questi mezzi di comunicazione risultano essere contraddittori o ancora peggio peccano di ipocrisia.
Lo SCOOP è l'informazione per eccellenza! Cronache nere e rosa sotto i riflettori che diventano importanti per l'interesse "economico". E' facile aprire un giornale o accendere la tv e trovarsi di fronte a situazioni catastrofiche: terremoti, guerre, violenze, intossicazioni, furti, funerali, matrimoni; cariche politiche che si "bestemmiano" a vicenda, promesse urlate a gran voce da qualcuno che pensa di avere il mondo fra le mani! Notizie da prime pagine!!
"Caspita! Però c'è gente che ci tiene davvero all'informazione di tutta la nazione e del mondo" potrebbe pensare qualcuno "buono d'animo". Passa l'ondata e affiorano balletti, sfilate di moda e barzellette: che fine hanno fatto tutte quelle notizie di cronache importanti? Per qualcuno nel dimenticatoio, per altre la vita va avanti non bisogna o non è possibile soffermarsi molto.
Qualcuno potrebbe rispondere a tono: "STATE SBAGLIANDO". Infatti, non è possibile parlare per un periodo di qualcosa che magari già esisteva poi tralasciarla! Sono infatti i luoghi in cui si vive male e dove si cercano situazioni catastrofiche! Ma NESSUNO ci pensa!! Tanto cosa importa! L'importante è "fare audience" qualunque sia la notizia, anche a costo di ridicolizzarsi come pagliacci.
Cosa sono i "forse"' rispetto a coloro che ''SICURAMENTE'' usano le sofferenze, i dolori, le angosce o le gioie, insomma la vita altrui esclusivamente per fare spettacolo?!

A. Clemente

sabato 14 febbraio 2004

Chiudi la pagina